Seminario sulla Salute Mentale

Seminario sulla Salute Mentale – Revised Draft 2005 – 2014

Il processo di ingabbiamento psicopatologico a livello neurochimico, morfofunzionale e fenomenologico nel quadro epistemologico del DSM IV – TR e nell’attuale contesto sociale ed epidemiologico.

Il presente progetto didattico è stato approvato dal Ministero della Sanità il 5 luglio 2005 come Seminario valido per i crediti in Educazione Continua in Medicina ed ha costituito la base di un primo ciclo sperimentale di Seminari ECM dedicato a farmacisti e medici di base realizzato nell’ottobre del 2005 in Umbria.

I Quaderni Multimediali di Ecologia Mentale sono un progetto editoriale di Fabrizio Ciappi e di Riccardo Mario Corato.

Oggetto d’indagine dei Quaderni è una possibile epistemologia del sistema delle comunicazioni di massa e delle reti multimediali e dei suoi effetti sui bambini, adolescenti e adulti in termini di linguaggio, pensiero e apprendimento.

Più in generale l’obiettivo dei Quaderni è la “formazione dei formatori” attraverso un percorso di formazione critica trans-disciplinare per chi opera nel mondo delle istituzioni sanitarie, educative e dell’informazione.

Il Seminario sulla Salute Mentale costituisce la prima pubblicazione della collana editoriale dei Quaderni.

Il Seminario è dedicato alla formazione ECM dei Medici di Base, dei Farmacisti, dei Medici Psichiatri e degli Psicologi e, più in generale, degli Operatori Socio-sanitari pubblici della Salute Mentale e del III Settore.

Il progetto didattico stato approvato dal Ministero della Sanità il 5 luglio 2005.

La presente dispensa verrà successivamente resa disponibile in forma multimediale per favorire la consultazione online e la formazione a distanza (e-learning) e per permettere l’accesso, la consultazione e il contatto con la rete terapeutica specialistica del SSN e con le strutture socio-sanitarie e riabilitative della Salute Mentale.

Pubblicato in Ecology of Mind, Educazione e Comunicazione Sociale | Lascia un commento

About

Background

This blog is part of a long-lasting work of research and study about the current, unprecedented development of Information and Communication Technologies as a possible context for facilitating the growth of psychopathology in today’s society, especially among the younger generations.

The authors, Prof. Fabrizio Ciappi & Dr. Riccardo Mario Corato, started working together on this matter in 1994, when they created a first audiovisual publication, “Education, Identity and Knowledge”, as part of a campaign against drug addiction among young people commissioned by an Italian Public Authority.

The trans-disciplinary approach of their research has been made possible by the “merging” of the two specific areas of competence and experience of the authors, neuroscience and psychiatry (Ciappi) and multimedia communication (Corato).

Their work is based on the concrete clinical experience of the Department of Mental Health of the Region of Umbria in Italy, and on the monitoring, classifying and decoding of media contents in terms of language impoverishment, simplification of reality and deterioration of sense.

Methodological aspects

The progress from the sociological study (sociology of communication and media) to the medical and anthropological analysis of the individual and social behaviour was essential to better understand an epidemiological context that now concerns the entire population, not only the so called “groups at risk” (children, adolescents, deviants, marginalized, elderly, etc.).

It was a major breakthrough in terms of increasing knowledge and critical skills capable of facilitating the development of possible strategies to reduce the human and social cost of such epidemiological patterns.

It must be outlined that, from a methodological, logical and epistemological point of view, in the analysis of the possible motivating factors of psychopathology, this research does not utilize deterministic criteria but, instead, those of “circular causality”, “stochastic process”, “homeostatic balance and perturbation” and other concepts typical of complex systems like the Human Living System.

From “cause-effect” to “context-risk” or to “context-opportunity”.

From Aristotle to the Cybernetics of II level.

Notice

It is important to note that all possible “exit strategies” hypothesized in this research have been based on avoiding the demonization of media and information technologies or, of course, of causing feelings of guilt among young people or adults suffering from any form of personality disorders.

The authors have given particular attention to all those subjects that could be a primary vehicle of interest for youngsters – such as sports, games, music, cinema, photography, fashion, lifestyle, hi-tech, etc.

Prof. Fabrizio Ciappi

Neuropsychiatrist, former Director of the Mental Health Department ASL 1 of the Umbria Region in Italy and Professor at the School of Specialization in Psychiatry and Social Medicine of the University of Perugia.

He was among the founding members of “Democratic Psychiatry” and one of the authors of the “Law 180” of May 1978, an Act of Parliament that profoundly reformed psychiatry in Italy, closing down the “prison-like” mental hospitals and switching psychiatry from a repressive branch of medicine to the broader concept of mental health as a fundamental right and a major social objective.

Professor Ciappi started his medical career at the Mental Hospitals of Arezzo and Perugia before moving on to the Regional Mental Health Department, of which he eventually became Director.

In more than thirty-five years of clinic and scientific activity, Professor Ciappi has participated in many Seminars, Conferences and Publications on Psychiatry, Neuroscience and Epistemology, working with such famous scientists and intellectuals as Oliver Sachs, Edgar Morin, Henry Atlan, Heinz von Foerster, Ilya Prigogine, Douglas Hofstadter and many others.

He is currently working with Dr. Riccardo Mario Corato on a scientific publication about their long-lasting research on mental health in today’s hyper-media context. The book has the following working title:

“Notebooks of Mind’s Ecology”

The process of the psychopathological entrapment at neuro-chemical, morphological and functional level within the epistemological framework of the DSM IV and the current social and epidemiological context.

Dr. Riccardo Mario Corato

Riccardo Mario Corato started to work in the field of communications in the early seventies, after studying Humanities and Philosophy at the University of Rome.

From 1981 to 2001, Corato headed Network International, a company specializing in integrated communication strategies based on the production, sponsorship and promotion of major international cultural, social, music and sport events.

In 2003-2004 he was Visiting Professor of Performing Arts and Communication at the University of Rome, where he experimented with a new pedagogic method called “Productions as Lessons”.

He is also co-author, together with Professor Fabrizio Ciappi, of a Continuing Medical Education (CME) programme dedicated to the relationship between media communication and mental health.

Concentrating on educational, scientific and cultural multimedia strategies and programs, Corato has spent recent years analyzing the feasibility of new forms of “socially responsible communication”.

His current multimedia educational project “Madeleine©”, based on preserving cultural heritage and social memory, is addressed to teenagers and their young parents, as well as to teachers and educators.

Pubblicato in Blog Authors | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

In the Blind Spot

norabateson

“If I told you that a flower bloomed in a dark room would you trust it?” -Kendrick Lamar

The revolution, the evolution is not going to be found in conference centers or seminars in 5 star hotels. It won’t be definable in righteousness or sanctimony.

The resonances will be and are where the pain has been–where there was no choice but to become unbreakable.

Where the scars are generations deep and sculpt into raw, sassy, funny, sexy, harsh, confusing.

Laser sharp intelligent literacy of metaphors; the messages wont be sterilized in direct instructional language. The (r)evolution is not a Lego set to assemble, it is alive.

The alchemy of change changes as it changes.

The logic of the current systems is not so useful for the task. It leads back to the academy, city hall and the bank. Those are not the places were unbreakable is made.

Look elsewhere.

IMG_0206

View original post

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Produzione mediatica di senso ed inquinamento mentale

Notebooks of Mind's Ecology

Gennaio 2011

Produzione mediatica di senso

ed inquinamento mentale


di Fabrizio Ciappi e Riccardo Mario Corato


Premessa


Le note che seguono presentano, in forma molto sintetica, i risultati di un lungo lavoro di ricerca e di studio compiuto nell’arco di oltre 15 anni nel campo dei rapporti fra lo sviluppo dei mass media e delle tecnologie informatiche e la crescita delle psicopatologie nelle società capitalistiche avanzate.


Gli autori, Fabrizio Ciappi e Riccardo Mario Corato, vecchi amici e “compagni d’arme” sin dai tempi delle lotte per la chiusura dei manicomi e per la riforma Basaglia (Legge 180), si sono casualmente ritrovati nel 1994 in occasione della realizzazione di una prima pubblicazione multimediale, “Educazione, identità e conoscenza”, elaborata nel quadro di una campagna sociale per la lotta alle tossicodipendenze commissionata dall’Amministrazione Provinciale di Siracusa.


Da allora ha preso l’avvio la ricerca qui presentata, basata sia sull’analisi delle concrete esperienze cliniche del Dipartimento…

View original post 2.939 altre parole

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Most Problems Today Were Once Solutions.

“(…) The excuse that to survive we must all take part in the socio-economic systems that are going to kill us is what my father, Gregory Bateson, called a double bind. Knowing that the way we are living is actually destroying not only our health but that of future generations, but doing it anyway, is very nearly a definition of addiction. (…) Nora Bateson

norabateson

IMG_0565

The time has come
The walrus said
To talk of many things:
Of shoes- and ships-
And sealing wax-
Of cabbages and kings-
And why the sea is boiling hot-
And whether pigs have wings.”
― Lewis CarrollAlice in Wonderland

Time has come and gone, and sits now at the window —watching. When I was a child I sat at tables of concerned and brilliant people who discussed the fate of the world with great passion. It was the early 70’s and publications were springing up around the globe to announce the need to change the way humanity was living with each other and the biosphere. The radical revolutionaries were penning beautiful texts on systems theory, cybernetics, ecology, new forms of education, steady state economics, and exploratory versions of non-violent democracies. It was quite clear at my dinner table in 1976 that there were a few basic steps…

View original post 732 altre parole

Pubblicato in Interesting outside inputs | Lascia un commento

Je bois donc je suis: les mécanismes neurologiques des addictions | L’Avventura

http://lavventura.blog.lemonde.fr/2016/09/22/je-bois-donc-je-suis-les-mecanismes-neurologiques-des-addictions/

Pas mal, pas mal de tout.

Un’interessante descrizione divulgativa dei meccanismi neurologici e dei fattori contestuali che favoriscono/rafforzano le tossicodipendenze.

Pubblicato in Interesting outside inputs | Lascia un commento

Educazione Identità Conoscenza

Sintesi TG1 RAI TV

Full Video

Navigare alla ricerca di senso — Il caso “droga”

Un video, realizzato nel lontano 1996, concepito nel quadro della lotta alle tossicodipendenze che non si rivolge direttamente ai giovani ma è uno strumento di “formazione dei formatori”.

Dedicato a medici, psicologi, farmacisti, operatori sociali e religiosi, politici, giuristi e magistrati, insegnanti, familiari e genitori e, in generale, a tutti coloro che si trovano ad operare nel difficile e delicato campo dell’educazione e della comunicazione sociale.

Scritto da Fabrizio Ciappi & Riccardo Mario Corato

Prodotto da Riccardo Mario Corato
Regia di Gianfranco Fiore

Copyright by Fabrizio Ciappi & Riccardo Mario Corato, 2005

Educazione, Identità e Conoscenza

Commissionato dalla Provincia di Siracusa — nel quadro di una campagna di prevenzione e riduzione del danno delle tossicodipendenze e del disagio giovanile — il video costituisce il primo numero di una serie di audiovisivi sulla Comunicazione sociale, i Quaderni Multimediali di Ecologia Mentale.

Dedicato alla formazione scientifica e professionale di operatori sociali, insegnanti, genitori, giornalisti e rappresentanti delle istituzioni politiche, sanitarie, sindacali e religiose della Provincia, questo primo lavoro si articola sui seguenti concetti di fondo.

I cinque interruttori biologici del Sistema Vivente Umano
(Fame, Sete, Sesso, Sonno e Conoscenza)

Media, Mercato e Inquinamento Mentale
(Sostanze e “Idee” tossiche)

Cultura contro Natura
(Produzione di rifiuti sociali e ambientali)

Conoscenza e Vita
(lnformazione Ridondante e Informazione Dogmatica)

Identità, Socialità e Senso
(Territorio, Istituzioni e Solidarietà)

Solidarietà come necessità biologica
(Quando B sta meglio, sta meglio anche A)

Dalla “Soluzione del Problema” allo “Svolgimento del Tema”
(La riappropriazione del Tempo)

Sintesi del video

Nello scarno scenario di un immaginario laboratorio di ricerca e studi sull’ecologia mentale, una ragazza dialoga con un computer per indagare sul proprio malessere, le cui cause sembrerebbero rientrare nella fenomenologia di un possibile “soggetto a rischio”.

Il computer, ponendosi nel ruolo di mentore, risponde alle domande della ragazza con un discorso generale che parte dall’analisi dei rapporti tra mercato e nuovi meccanismi di distribuzione e consumo di innumerevoli tipi di droga, illustrandone sia il carattere multiforme sia la comune caratteristica di “scorciatoia” verso un illusorio benessere e una breve ed effimera rimozione del disagio, dell’ansia del dolore.

Dopo aver accompagnato la ragazza in un progressivo svelamento e riconoscimento delle innumerevoli forme che il “sistema droga” e le “idee tossiche” possono assumere, il computer trae una prima conclusione: è impossibile trovare una “soluzione” al “problema droga”, va anzi superata la dicotomia problema-soluzione e va invece privilegiato il concetto di tema-svolgimento, in cui il tempo assume importanza cruciale, perché parte di un processo teso non ad un illusorio risultato finale ma a una concreta riduzione del danno.

Il computer-mentore, utilizzando uno schema logico-formale di tipo cibernetico basato su descrizioni semplici di concetti e categorie universali — attraverso uno “stringato” linguaggio audio-visivo — approda all’analisi del concetto di solidarietà intesa non in termini ideologici, ma quale autentica necessità biologica e sociale.

La solidarietà è dunque l’elemento fondamentale per rimodellare e ricostruire quelle capacità — la riappropriazione del tempo, del senso e dell’identità — che sono le condizioni indispensabili alla sopravvivenza di tutto il “Sistema Vivente Umano” e quindi alla base di ogni programma di lungo termine.

E che deve coinvolgere genitori, insegnanti, operatori sociali, politici e sindacali. Sono loro, infatti, i veri destinatari del video.

Sta a loro, sta a tutti noi, e questa la vera conclusione del filmato, attivare un “controllo sociale” fatto principalmente di solidarietà, di ascolto, di svelamento, di conoscenza e di assistenza sul territorio.

Video | Pubblicato il di | Contrassegnato | Lascia un commento